Click here to change this text

Click here to change this text

Taizé

La comunità di Taizé oggi.

Oggi la comunità di Taizé conta un centinaio di fratelli, cattolici e di diverse origini evangeliche, provenienti da quasi trenta nazioni. Con la sua stessa esistenza, la comunità è una “parabola di comunione”, un segno concreto di riconciliazione tra cristiani divisi e tra popoli separati.

I fratelli vivono unicamente del loro lavoro. Non accettano nessun regalo. Non accettano per se stessi nemmeno le proprie eredità personali, la comunità ne fa dono ai più poveri.

Alcuni fratelli vivono in luoghi svantaggiati del mondo per essere testimoni di pace, per stare accanto a coloro che soffrono. In queste piccole fraternità in Asia, Africa, America Latina, i fratelli cercano di condividere le condizioni d’esistenza di coloro che li circondano, sforzandosi d’essere una presenza d’amore accanto ai più poveri, ai bambini di strada, carcerati, moribondi, a chi è ferito nel più profondo per le lacerazioni affettive, gli abbandoni umani.

Lungo gli anni, cominciò ad arrivare a Taizé un sempre maggior numero di giovani. Le suore di Sant’Andrea, una comunità cattolica internazionale fondata più di sette secoli fa, alcune suore orsoline polacche e delle suore di San Vincenzo di Paolo assumono una parte dei compiti dell’accoglienza dei giovani.

Anche uomini di Chiesa si recano a Taizé e la comunità ha così accolto il Papa Giovanni Paolo II, quattro Arcivescovi di Canterbury, dei Metropoliti ortodossi, i quattordici Vescovi luterani di Svezia e numerosi pastori del mondo intero.

A partire dal 1962, dei fratelli e dei giovani, mandati da Taizé, non hanno mai smesso di andare e venire dai Paesi dell’Est Europa, per visitare con la massima discrezione chi era rinchiuso all’interno dei propri confini.

Frère Roger è morto il 16 agosto 2005, a 90 anni, ucciso durante la preghiera serale. Frère Alois, scelto da lui già da tanto tempo come suo successore, è ora il priore della comunità.

 

Incontri europei comunità di Taizé

Incontri europei

Dal 1978 la comunità organizza annualmente un incontro europeo chiamato Pellegrinaggio di fiducia sulla Terra in una metropoli europea, all’Est e all’Ovest. Dura cinque giorni e si svolge alla fine di ogni anno, solitamente dal 28 dicembre al 1º gennaio . Vi partecipano decine di migliaia di giovani.

 

Nel 1981, in occasione dell’incontro di Londra, un giornale londinese scrisse:

 

«La più imponente attraversata della Manica dopo lo sbarco in Normandia.»

 

Nel 1987, in occasione dell’incontro di Roma, la Basilica di San Pietro in Vaticano fu una splendida cornice per una preghiera alla presenza di papa Giovanni Paolo II. In quella circostanza, frère Roger definì la Chiesa un “mistero di comunione”.

 

Furono oltre centomila nel 1994 a Parigi.

 

A partire dal 1974, frère Roger pubblicò ogni anno una lettera che, tradotta in più di 50 lingue, veniva utilizzata poi tutto l’anno durante gli incontri a Taizé ed in tante parrocchie, come spunto di riflessione. Le prime due, Lettera al popolo di Dio e Vivere l’insperato, furono preparate per l’apertura del Concilio dei giovani nel 1974.

 

Le cinque giornate sono scandite da momenti di preghiera comune, con canti e momenti di silenzio, e workshop su vari temi religiosi e ecumenici. Importante per lo spirito di questi incontri è l’ospitalità delle città che accolgono le migliaia di giovani europei in palestre, scuole e abitazioni private. La notte dell’ultimo giorno dell’anno è divisa in una preghiera di veglia fino a mezzanotte e successivamente nella “Festa dei Popoli” nella quale ogni nazionalità propone canti, balli e giochi condividendo gioia e cultura.

undefined

Mission

Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts…

Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts…

Beliefs

Molding believers, influencing the world

Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts…

Upcoming Events

0 Campuses
0 Pastors
0 Sermons
0 Groups

Our Leadership

Showing You the Way

sezione in allestimento

Senior Pastor

God is not interested in the physical attitude of prayer. It doesn’t make any difference in what horizontal, vertical, or oblong direction your carcass happens to be; if your soul is not down before God, you are not praying. Your body can be in any condition, but if your soul is bold, defiant against God, you know nothing about prayer.