Preghiera di Taizé martedì 11 dicembre 2018 ore 20.00

11 Dic 2018 | 08:00 pm - 09:00 pm
Place : Convento dei Frati Francescani, Parrocchia Sant’Antonio da Padova Via Università n° 74 – 80055 – Portici (NA)
Phone : +393391794473
Email : info@taizeincampania.it

Preghiera di Taizé martedì 11 dicembre 2018 ore 20.00

 

Tutti coloro che vogliono pregare sono i benvenuti.

 

 

 

 

Dal Salmo 18

 

 

Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore; mio Dio, mia rupe, in cui trovo riparo; mio scudo e baluardo, mia potente salvezza. Rit.

Invoco il Signore, degno di lode, e sarò salvato dai miei nemici. Mi circondavano flutti di morte, mi travolgevano torrenti impetuosi; gia mi avvolgevano i lacci degli inferi, gia mi stringevano agguati mortali. Rit.

Nel mio affanno invocai il Signore, nell’angoscia gridai al mio Dio: dal suo tempio ascoltò la mia voce, al suo orecchio pervenne il mio grido. Rit.

La terra tremò e si scosse; vacillarono le fondamenta dei monti, si scossero perché egli era sdegnato. Dalle sue narici saliva fumo, dalla sua bocca un fuoco divorante; da lui sprizzavano carboni ardenti. Rit.

 

 

Luca  2, 1 – 7

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della Siria Quirinio. Andavano tutti a farsi registrare, ciascuno nella sua città. Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazaret e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide, chiamata Betlemme, per farsi registrare insieme con Maria sua sposa, che era incinta. Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c’era posto per loro nell’albergo.

 

 

Dalle Fonti Francescane (FF 468)

A questo proposito è degno di perenne memoria e di devota celebrazione quello che il Santo realizzò tre anni prima della sua gloriosa morte, a Greccio, il giorno del Natale del Signore.C’era in quella contrada un uomo di nome Giovanni, di buona fama e di vita anche migliore, ed era molto caro al beato Francesco perché, pur essendo nobile e molto onorato nella sua regione, stimava più la nobiltà dello spirito che quella della carne. Circa due settimane prima della festa della Natività, il beato Francesco, come spesso faceva, lo chiamò a sé e gli disse: “Se vuoi che celebriamo a Greccio il Natale di Gesù, precedimi e prepara quanto ti dico: vorrei rappresentare il Bambino nato a Betlemme, e in qualche modo vedere con gli occhi del corpo i disagi in cui si è trovato per la mancanza delle cose necessarie a un neonato, come fu adagiato in una greppia e come giaceva sul fieno tra il bue e l’asinello”. Appena l’ebbe ascoltato, il fedele e pio amico se ne andò sollecito ad approntare nel luogo designato tutto l’occorrente, secondo il disegno esposto dal Santo.

 

 

Silenzio ……………..

la capacità che ha il lungo momento di silenzio nel mezzo della liturgia di donare loro l’occasione di prendere in esame ciò che li abita. « Fare il punto », « ascoltare il proprio cuore », « riflettere sui propri problemi », « svuotare la mente », « fare un break », « ritornare in sé stessi », « far cadere le proprie maschere »… : essi sanno come descrivere ciò che il silenzio rende possibile. Essendo insieme, il silenzio non fa loro paura. Al contrario, molti dicono che la prima volta i dieci minuti paiono lunghi e che poi, si riempiono da soli.

 

Liturgia del Lucernario

 

 

 

INTERCESSIONI (ad ogni intercessione si canta Kyrie Eleison )

 

Padre Nostro

 

Preghiera conclusiva

 

SE POTESSIMO SEMPRE RICORDARE che Cristo è comunione…

Egli non è venuto sulla terra per creare una religione in più, ma per offrire a tutti una comunione in Dio.                          I suoi discepoli sono chiamati ad essere unili fermenti di fiducia e di pace nell’umanità…                                              «Comunione» è uno dei nomi più belli della Chiesa.        ( Frère Roger Schutz di Taizé.)

 

 

Canti finali

 

 

 

 

Vi diamo appuntamento per la prossima preghiera mensile.

 

Martedì  8 gennaio 2019 ORE 20:00

 

GLI AMICI DELL’EQUIPE ECUMENICA DI TAIZé IN CAMPANIA.